Cielo del Mese, Dicembre 2021

Ecco gli highlights dell’ultimo cielo del mese del 2021:

fonte: http://divulgazione.uai.it/index.php/Cielo_di_Dicembre_2021

Riassumiamo gli oggetti e i fenomeni più significativi osservabili nel mese di dicembre 2021 :

Ricordiamo le consuete nozioni sul giorno più corto e sul Solstizio:

http://divulgazione.uai.it/index.php/Cielo_di_Dicembre_2021#SOLE

Contrariamente a quanto comunemente ritenuto, non è Santa Lucia (il 13) il giorno più corto dell’anno.

In realtà in prossimità del 13 dicembre si verifica il periodo in cui il Sole tramonta più presto: per le prime due settimane di dicembre l’orario del tramonto si mantiene quasi costante, tra le 16.40 e le 16.41. Il giorno più breve dell’anno in realtà coincide con il giorno del solstizio e inizio dell’inverno, che quest’anno cade il 21 dicembre.

Il giorno 21 il Sole tramonta un po’ più tardi, circa 3 minuti dopo, alle 16.44, ma anche il suo sorgere è ritardato di alcuni minuti, avendo luogo alle 7.37 (il 13 dicembre sorge alle 7.31): in definitiva, il Sole resta sopra l’orizzonte circa 3 minuti in meno rispetto al giorno 13.

Quindi in effetti il giorno più corto dell’anno è di norma il 21 o il 22 dicembre.

Quest’anno il SOLSTIZIO D’INVERNO cade il 21 dicembre alle ore 15 e 59 minuti TU (ore 16:59 TMEC). .

04 dicembre: Eclisse totale di Sole – NON VISIBILE DALL’ITALIA – La fase totale è visibile in Antartide, quella parziale in Sud Africa e nell’Oceano Atlantico.

http://divulgazione.uai.it/index.php/Cielo_di_Dicembre_2021#PIANETI

Mercurio: il pianeta ricompare nel cielo della sera. Le condizioni di osservabilità migliorano alla fine del mese, quando sarà anche più facile individuarlo in occasione della congiunzione con il ben più luminoso Venere, con cui sarà in congiunzione il giorno 29. A fine anno Mercurio tramonta circa 1 ora e 20 minuti dopo il Sole.

Venere “precipita” verso l’orizzonte occidentale. Il tempo per osservarlo si riduce drasticamente, anticipando sempre più l’orario del suo tramonto.

Non accade molto spesso il passaggio da una costellazione all’altra di uno dei pianeti giganti. Merita quindi una menzione Giove che il 14 dicembre lascia il Capricorno e prosegue il suo cammino nell’Acquario.

Lo spettacolo dei tre pianeti all’inizio della sera, specialmente in occasione delle congiunzioni con la Luna:

http://divulgazione.uai.it/index.php/Cielo_di_Dicembre_2021#CONGIUNZIONI

Luna – Venere : per alcuni giorni il cielo al crepuscolo serale mostrerà uno spettacolare allineamento di astri con protagonisti il falcetto di Luna crescente e ben 3 pianeti. La sera del 7 dicembre potremo osservare, nell’ordine, Venere nella costellazione del Sagittario, seguito dalla falce di Luna, già nel Capricorno, seguito, nella stessa costellazione, da Saturno e da Giove.

L’8 dicembre l’ordine dei protagonisti vede in testa Venere, il primo a tramontare, seguito da Saturno, dalla falce di Luna crescente e, infine, Giove. Venere si trova nella costellazione del Sagittario, gli altri tre oggetti sono tutti nel Capricorno.

Il 9 dicembre la Luna crescente raggiunge la costellazione dell’Acquario, completando il “sorpasso” di tutti i pianeti protagonisti del cielo serale, Giove e Saturno ancora nel Capricorno e Venere nel Sagittario.

Sempre in orario serale, nel corso della prima parte del mese potremo anche ammirare alcuni transiti luminosi della ISS .

http://divulgazione.uai.it/index.php/Cielo_di_Dicembre_2021#OSSERVARE_LA_STAZIONE_SPAZIALE

http://divulgazione.uai.it/index.php/Cielo_di_Dicembre_2021#COSTELLAZIONI

Con il mese di dicembre entriamo definitivamente nel periodo di migliore osservabilità delle grandi costellazioni invernali.

Anche quest’anno pubblichiamo le mappe del cielo per la notte di Natale e Capodanno :

http://divulgazione.uai.it/index.php/Cielo_di_Dicembre_2021#CARTE_DEL_CIELO

Cielo della notte tra il 24 e il 25 dicembre 2021, ore 22:00

Cielo della notte tra il 31 dicembre 2021 e il 1° gennaio 2022, alla mezzanotte

http://divulgazione.uai.it/index.php/Cielo_di_Dicembre_2021#METEORE

La corrente meteorica principale del mese è senza dubbio quella delle Geminidi, comparabile per quantità e brillantezza delle stelle cadenti a quella delle Perseidi di agosto. Le Geminidi sono in genere particolarmente evidenti tra il 10 e il 15 dicembre e quest’anno le vedremo in maggior numero specie nelle notti 12/13 e 13/14 dicembre.

Le circostanze con cui potremo osservarle irradiarsi da un’area poco a nord-ovest di Castore saranno quest’anno favorevoli solamente nella seconda parte della notte, quando non ci sarà il disturbo della Luna.

Cieli sereni !!!

FONTE: Commissione Divulgazione Unione Astrofili Italiani